venerdì 26 giugno 2020

sabato 13 giugno 2020

Un segnale per il clima. Classe IV A, Scuola Bruno Ciari


Abbiamo aderito all'iniziativa UN SEGNALE PER IL CLIMA, promossa dall'associazione AIIG
(Associazione Italiana Insegnanti di Geografia). 

https://www.aiig.it/attivita/progetti/unsegnaleperilclima/gallery-emilia-romagna/  




NON inquinare,
o ne pagherai le conseguenze!

Se tagli un albero,
tagli una fabbrica di ossigeno!

Andare in bici…
fa bene a te e fa bene all’ambiente

Ridisegna il tuo futuro:
natura o inquinamento?


 Scegli bene da che parte stare! 
Scegli bene il tuo futuro!
scegliete la strada giusta
 per il bene del  mondo
IV A Ciari

martedì 28 aprile 2020

V A - Io come un albero...

Nel video troverete riflessioni, pensieri e disegni sugli alberi, che i bambini hanno avuto modo di studiare in modi diversi, dal un punto di vista scientico, poetico e artistico.
Gli alberi insieme alle piante sono comparse sulla Terra 100 milioni di anni fa, da sempre regalano ispirazione e benessere. Gli alberi raccontano la storia e sono la memoria di città, borghi, quartieri e persino intere nazioni. Quindi dopo aver studiato e parlato con i bambini abbiamo fatto una riflessione: "Senza gli alberi la vita sulla Terra sarebbe impossibile. Può sembrare una frase banale ma è la realtà" 
Buona visione.


VA Scuola Primaria Ciari

mercoledì 22 aprile 2020

II B - Noi e la natura

L'amore per la natura ha mille volti!

Nasce dall'ammirazione per il mistero della vita...


DIEGO F

...e si dimostra nel rispetto dell'ambiente, partendo dal riciclo

DANIEL - Un acquario
SOFIA - Cuoricino robottino
DIEGO F - Girandole di fiore
ROBERTO - Robottini
CLARA - Portacaramelle
VIOLA - Una bambola














SAMUELE - La meridiana
MARIO - Polipetto e Vampirix











MARTINA - Il tris
GINEVRA - Libro di avventure











I bambini della II B Scuola Primaria Ciari

martedì 21 aprile 2020

III A - RiciCREANDO

Questa primavera è veramente diversa dal solito ma, la nostra attenzione all’ambiente che ci circonda, al rispetto per la natura e ad evitare sprechi inutili, è sempre molto alta.
Sì, anche in una situazione di distanza sociale e di didattica a distanza, la nostra creatività non si è assopita ma, anzi ha trovato maggiore spazio e, con l’aiuto delle nozioni acquisite in ambito scolastico ed extrascolastico, ci siamo trovati a realizzare poesie, giochi, oggetti, disegni che ci hanno fatto compagnia in questi giorni di “quarantena”.

Certo non abbiamo potuto fare molte cose che prima facevamo quotidianamente, ad esempio andare a scuola in bicicletta o rivedere gli amici del Pedibus, giocare al parco tutti insieme o ritrovarci a casa di un amico per festeggiare un compleanno, insomma, non ci siamo potuti muovere molto fisicamente, ma tutto questo non ci ha impedito di uscire con la fantasia e l’immaginazione e abbiamo viaggiato, viaggiato e…RiciCREATO.





Ora che sono qui
davanti alla mia finestra
vedo il cielo così azzurro
come una grande festa;
piena di raggi di sole
e piccole nuvole a forma di viole.
Nei prati sono fiorite
delle splendide margherite.
Un profumo nell'aria più leggero si sente,
come l'acqua che scorre dalla sorgente.
La mia mente si incanta ad osservare
gli animali selvatici ritornare.
E il mare... è riapparso cristallino 
e attira a sè delfini, pesci e gabbiani 
come un suono limpido di un violino.

Jacopo

III A Scuola Primaria Ciari

lunedì 20 aprile 2020

III G - RICICLINO e il suo regno

Riciclino, cavaliere del riciclo, è un cavaliere coraggioso che combatte l'inquinamento!
...e noi con lui!
Dopo le simpatiche bamboline ecco a voi tanti nuovi amici ecologici









III G Scuola Primaria Ciari

giovedì 16 aprile 2020

V B - W la natura

  
C’era una volta un daino che viveva sulle colline vicino ad una città; ovunque andasse era costretto a fuggire per via dei cacciatori che erano sempre nei paraggi.
Non aveva mai il tempo per ammirare la bellezza che lo circondava, né il tempo per poter saltellare tra i campi come farebbe un vero daino, non aveva il tempo di essere libero; dopo mesi passati a vivere così, un giorno nessun cacciatore si fece vivo per catturarlo, ma il daino pensò che gli stavano solo tendendo una trappola. Passò un giorno e poi un altro a seguire ma nessuno aveva osato disturbarlo. Si chiese, per tutto il tempo che passò nascosto, per quale motivo nessuno arrivava a prenderlo o a dargli la caccia. Dopo una settimana passata così, il daino cominciò a pensare di avere finalmente il tempo per fare quel che voleva; uscì dal nascondiglio che aveva trovato e cominciò a correre e a saltare per i campi, ad osservare attentamente tutto ciò da cui era circondato: fiori, alberi, coccinelle e farfalle; ora aveva il tempo per essere libero.


Come Alice L., autrice della storia, coltiviamo il sogno di una natura libera, con il nostro piccolo impegno di rispetto quotidiano.

V B Scuola Primaria Ciari